Contattaci per maggiori informazioni

Compila il form, un nostro esperto ti contatterà per fornirti tutte le risposte che necessiti.



    (Informativa sulla privacy)

    Vuoi avere maggiori informazioni? Vuoi conoscere in dettaglio i nostri servizi?

    Contattaci telefonicamente. Il nostro team sarà felice di proporti le soluzioni più adatte alle tue esigenze.

    Chiamaci +39 02 36576560.
    Luglio 18, 2022

    ASSUNZIONE DISABILI: la nuova Banca dati del collocamento mirato

    È finalmente attiva la nuova banca dati per il collocamento mirato, una piattaforma nata per raccogliere le informazioni sulle assunzioni delle persone disabili.

    FIABILIS_ASSUNZIONE DISABILI_BANCA DATI_COLLOCAMENTO MIRATO

    È finalmente attiva la nuova banca dati per il collocamento mirato, una piattaforma nata per raccogliere le informazioni sulle assunzioni delle persone disabili. Lo scopo è quello di mettere in connessione i datori di lavoro pubblici e privati, il ministero del Lavoro, l’Anpal, l’Inps, l’Inail, le regioni e province con la segnalazione delle convenzioni, degli incentivi e le diverse comunicazioni obbligatorie.

    Con il decreto del 29 dicembre 2021 pubblicato il 23.2.2022 in Gazzetta Ufficiale vengono specificate le disposizioni per la creazione della banca dati sul collocamento obbligatorio delle persone con disabilità cd. “collocamento mirato”. Il nuovo strumento è entrato in vigore il 23 aprile 2022, dopo sei anni dalla previsione normativa del D.Lgs 151 2015_24 settembre 2015.

     

     

    Ma partiamo dall’inizio che cos’è il collocamento mirato?

     

    ll collocamento mirato è un servizio di sostegno e di collocamento “mirato” delle persone disabili; ovvero è l’obbligo imposto alle aziende che soddisfano specifici requisiti dimensionali (computando anche i dipendenti in regime di lavoro agile o smart working), ad assumere un determinato numero di lavoratori svantaggiati (numero che varia in relazione alle dimensioni aziendali) che, altrimenti, in considerazione delle loro condizioni fisiche e psichiche, troverebbero difficilmente collocazione nel mondo la riforma del collocamento obbligatorio operata con la L. 68/1999 e si rivolge, in via principale, alle persone disabili.

     

    Le quote d’obbligo di assunzione per le aziende pubbliche e private sono scaglionate in relazione al numero di addetti, che deve essere almeno pari a 15 dipendenti.

     

    Da 15 a 35 dipendenti, la quota d’obbligo è pari a 1 lavoratore disabile, da 36 a 50 dipendenti la quota è pari a 2 lavoratori disabili mentre oltre i 50 dipendenti il 7% dell’organico è riservato a lavoratori disabili e l’ 1% a vedove, orfani o profughi.

     

     

    Che cosa conterrà la nuova Banca Dati del collocamento mirato?

     

    • i prospetti informativi sul numero complessivo dei dipendenti, i posti e le mansioni disponibili per i lavoratori disabili;
    • gli accomodamenti adottati dai datori per garantire ai disabili l’uguaglianza con gli altri dipendenti;
    • la certificazione degli eventuali esoneri dagli obblighi di versamenti all’Inail;
    • le comunicazioni obbligatorie che riguardano le assunzioni, le variazioni e le cessazioni dei rapporti di lavoro dei lavoratori disabili;
    • le sospensioni dall’obbligo di assunzione;
    • gli esoneri autorizzati dall’obbligo di assunzione;
    • le varie convenzioni di integrazione e inserimento lavorativo;
    • i lavoratori con disabilità e le categorie protette;
    • gli elenchi e graduatorie delle persone disabili che aspirano a lavorare;
    • le pratiche effettuate dagli uffici competenti;
    • le informazioni indispensabili all’inserimento lavorativo;
    • gli incentivi e le sovvenzioni di cui beneficia il datore di lavoro;
    • la comunicazione contenente tempi e modalità di copertura della quota di riserva da parte delle amministrazioni pubbliche.

     

    Le informazioni saranno disponibili agli enti pubblici coinvolti ma anche ai datori di lavoro che potranno riutilizzare i dati necessari in una sorta di precompilazione del Prospetto informativo, e per i lavoratori stessi. L’accesso sarà possibile con SPID o CIE.

     

    Le informazioni saranno accessibili a loro volta, a diverso grado e nel rispetto della normativa sulla tutela della privacy, alle Regioni e Provincie autonome di Trento e di Bolzano, all’Ispettorato nazionale del lavoro, all’Anpal, al Dipartimento della funzione pubblica, ai datori di lavoro pubblici e privati e alle persone disabili iscritte nel collocamento mirato.

     

    I datori di lavoro pubblici e privati sono obbligati a trasmettere le informazioni di loro competenza al nuovo strumento di raccolta.

     

     

    Qual è la finalità di questa Nuova Banca Dati del collocamento mirato?

    • razionalizzare la raccolta dei dati disponibili,
    • semplificare gli adempimenti,
    • rafforzare i controlli,
    • migliorare monitoraggio
    • valutazione degli interventi ex legge n. 68. T

    Si specifica che tali finalità rientrano nei compiti di rilevante interesse pubblico per cui è consentito il trattamento di categorie particolari di dati personali, trattandosi di collocamento obbligatorio.

     

    Assunzione disabili: bonus contributivi e incentivi

    Il bonus per l’assunzione di lavoratori disabili fu introdotto per la prima volta dalla legge n. 151 del 2015, meglio conosciuta come “Job Act”. Vuoi saperne di più? Leggi il nostro precedente articolo per conoscere tutti i BONUS CONTRIBUTIVI E INCENTIVI per l’ASSUNZIONE di lavoratori DISABILI

     

     

    FIABILIS ITALIA

    Da oltre 10 anni studiamo le migliori opportunità di ottimizzazione dei costi del lavoro e della previdenza sociale con una metodologia sostenuta dalle più avanzate tecniche di business intelligence e data mining. Scopri tutti i nostri servizi di ottimizzazione.